The Standard Language

The Standard Language
By A.Z. Foreman

After Languages by Carl Sandburg

“What I have most at heart is, that some method should be thought on for ascertaining and fixing our language for ever, after such alterations are made in it as shall be thought requisite. For I am of opinion, that it is better a language should not be wholly perfect, than that it should be perpetually changing.”
-Jonathan Swift, A Proposal for Correcting, Improving and Ascertaining the English Tongue (1712)

You cannot hold your tongue. There is no such
Thing as a grammar ruling. Beyond intent
Our kind's tectonic mindscapes drive a course
Through times. Your language is but continent
Churned on the planet, changed at every touch,
Forming a fissure in schismatic rock
Where the least hotspot's sheer vocalic force
Shifts the sea's stress. I'd rather we just talk

The way we gonna. Mountains ain't a-move
Back to some yesterday. Your standard love
Hating on black folk, white boy. But ain't no
Heirloom for no great grand daughter no more
Than plants that growed down on the ocean floor
In my backyard a billion years ago.

1 comment:

  1. Linguaggio standard

    Quel che ho maggiormente a cuore, è che qualche metodo sia concepito onde accertare e fissare il nostro linguaggio per sempre, dopo le dovute alterazioni del caso. Sono infatti dell’opinione, sia meglio un linguaggio non del tutto perfetto piuttosto che in perpetuo cambiamento.
    (Jonathan Swift, Proposta per Correggere, Migliorare e Accertare la Lingua Inglese, 1712)


    Non sai tener ferma la lingua. Non c’è cosa
    come la regola grammaticale. Oltre l’intento
    la forma mentis tectonica della specie
    fa il suo corso nei tempi. Un continente
    si alza il linguaggio, cambia al contatto,
    forma crepa la roccia scismatica
    dove la minima traccia di forza
    vocalica muove accento del mare.

    Possiamo anche parlarne e assaporare.
    La montagna sarà ferma e le cose
    che ami nel dizionario di quest’anno
    non le erediteranno più i nipoti
    che piante cittadine dell’oceano
    nel tuo cortile un bilione di anni fa.

    ReplyDelete